Casa Museo Lodovico Pogliaghi | Ambrosiana
Veneranda Biblioteca Ambrosiana
ambrosiana, veneranda, biblioteca, museo, Lodovico, pogliaghi, scultore, collezione, archeologistics
7572
page,page-id-7572,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-2.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Ambrosiana

01-slider-ambrosiana-1098×500
02-slider-ambrosiana-1098×500
03-slider-visitamuseo-1098×500
04-slider-ambrosiana-1098×500

Veneranda Biblioteca Ambrosiana

 

Logo Ambrosiana

L

a Veneranda Biblioteca Ambrosiana è stata fondata nel 1607 dal cardinale Federico Borromeo “per un servizio universale”. Queste parole, secondo l’Atto di fondazione dell’Ambrosiana, riassumono lo spirito del suo fondatore, confermato nel Breve papale dell’anno 1608. Nel 1604 l’arcivescovo Federico Borromeo aveva presentato a papa Clemente VIII il suo primo progetto di fondare a Milano una grande biblioteca pubblica. L’amore per i libri gli era stato instillato quando, in giovane età, aveva sperimentato a Roma l’importanza fondamentale della scienza e dell’arte, per una nuova evangelizzazione mediante il dialogo e lo studio della cultura moderna.

Fu concepita dal fondatore come un centro di studio e di cultura: volle infatti che vi fiorissero a lato altre istituzioni come il Collegio dei Dottori, l’Accademia di Belle Arti e la Pinacoteca.

Il cardinale raccolse per la sua Biblioteca, che dal santo protettore di Milano chiamò Ambrosiana, un largo numero di codici greci, latini, volgari e nelle diverse lingue orientali. Per la vastità delle raccolte e per il numero e il pregio dei codici, l’Ambrosiana è indubbiamente una delle prime biblioteche italiane e del mondo. Ebbe illustri bibliotecari quali lo storico milanese Giuseppe Ripamonti, Ludovico Antonio Muratori, Giuseppe Antonio Sassi, il cardinale Angelo Mai, Antonio Maria Mercati e Achille Ratti divenuto pontefice con il nome di Pio XI.

 

Il patrimonio librario di Lodovico Pogliaghi, esposto a scaffale nella biblioteca della sua casa al Sacro Monte al momento del lascito ad Ambrosiana, è ora conservato presso la biblioteca milanese.

Fondazione Pogliaghi e la Casa Museo

 

L

a Casa Museo Lodovico Pogliaghi è proprietà dal 1938 della Veneranda Biblioteca Ambrosiana. Nel suo compito di gestione della Casa Pogliaghi, è coadiuvata dalla Fondazione Pogliaghi, ente voluto dallo stesso Lodovico Pogliaghi.

Il 17 aprile 1950, pochi mesi prima della morte, con testamento olografo, Lodovico Pogliaghi revocò ogni disposizione precedente e nominò proprio erede universale la Fondazione che da lui avrebbe preso nome e che venne costituita con atto notarile il 4 maggio successivo.

Le volontà testamentarie lasciarono quindi alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana la proprietà della casa museo con la preziosa collezione di oggetti, ma alla Fondazione il compito di amministrare il patrimonio immobiliare che l’artista aveva lasciato “al precipuo scopo di erogarne il reddito per la custodia, il miglior mantenimento, ampliamento e miglior conservazione della Casa Galleria”.

Oggi, Fondazione Pogliaghi è uno dei protagonisti della riapertura della Casa-Museo: fondamentale è stata l’opera dell’allora presidente della Fondazione Pogliaghi, l’ing. Giuseppe Battaini. Appassionato amante della storia e dell’arte, ha promosso con fervore e impegno concreto l’idea di restituire alla collettività una realtà così importante come la Casa-Museo. Scomparso nell’autunno del 2015, la Fondazione e lo staff di Archeologistics (gestore della Casa-Museo) continuano a guardare alla sua figura come esempio di passione ed entusiasmo.

Recentemente, nel 2016 la Fondazione Pogliaghi ha rinnovato il suo consiglio direttivo, nominando come nuovo presidente il dott. Mario Zeni.

 

 

Presidente:

dott. Mario Zeni

 

Consiglieri:

Mons. Alberto Rocca

Dott.ssa Rosa Rosnati

Ing. Luca Galli

Ing. Alberto Mazzuchelli

Dott. Angelo Gabrele

La gestione del Museo

 

L

a gestione operativa della Casa Museo Lodovico Pogliaghi è stata affidata ad Archeologistics snc di Elena Castiglioni & C., società che offre servizi e prodotti per i beni culturali e i musei.

Archeologistics opera prevalentemente nella divulgazione e conoscenza del patrimonio culturale italiano. Progetta e realizza servizi di visita guidata, educazione museale e turismo culturale. Offre supporto per lo sviluppo di progetti culturali con servizi di comunicazione e grafica. Fornisce consulenza per musei, monumenti ed aree archeologiche. Si occupa di ricerca archeologica su cantieri, prevalentemente nel territorio della provincia di Varese e gestisce uno shop online di prodotti per l’archeologia.

Archeologistics snc di Elena Castiglioni & C.

P.I. e C.F. 03335080127

Via Italia, 21 – 21040 Carnago (VA)

+39 328.8377206 | info@archeologistics.it | 

Casa Museo Lodovico Pogliaghi

 

Proprietà e direzione scientifica

Veneranda Biblioteca Ambrosiana

 

Collaborazione

Fondazione Lodovico Pogliaghi

 

Progettisti e direttore dei lavori

Arch. Roberta Lamperti, Ing. Giuseppe Battaini

 

Direttore dei lavori

Arch. Roberta Lamperti

 

Gestione e servizi al pubblico

Archeologistics snc

 

Cofinanziamento

Regione Lombardia, Fondazione Comunitaria del Varesotto (Fondazione Cariplo)

 

Si ringraziano

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Lombardia

Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia

Soprintendenza per i Beni Storico, Artistici e Etnoantropologici della Lombardia

 

Campagna fotografica e contenuti multimediali

Giorgio Mesturini & Roberto Morelli

 

Webdesign

Gaetano Pignatelli – www.studiopigna.it

 

Grafica e immagine coordinata

Andrea Amato e Aurora Biancardi

 

Sponsor tecnici

Arterìa srl, Gruppo Pellegrini